Italiano | English

La cartina dei Comuni del Moscato d'Asti

Clicca sul quadrato rosso qui sotto per aprire la cartina dei Comuni del Moscato d'Asti.

La cartina dei Comuni del Moscato d'Asti Apri la mappa

L’associazione dei sindaci del Moscato invita a segnalare i “sorì” nel censimento nazionale

Il presidente dell’Associazione dei Comuni del Moscato, Luigi Genesio Icardi, ha più volte espresso in passato la necessità di valorizzare i cosiddetti “sorì”, che sono elemento paesaggistico e produttivo diffuso sulle nostre colline, per poter dare il giusto valore al difficile impegno dei viticoltori che operano su queste aree impervie, dove non è possibile manovrare meccanicamente. Un giusto valore che deve essere economico a ricompensa della fatica, ma anche rivolto al mantenimento di preziosi versanti di collina, che offrono una riconosciuta qualità eccellente e che hanno assolutamente bisogno di essere coltivati come sempre è avvenuto nel passato, per evitare situazioni di degrado ambientale e di dissesto idrogeologico.

 Il Ministero delle Politiche Agricole ha recentemente aperto le iscrizioni al primo Censimento Nazionale dell’Agricoltura Eroica: uno strumento che raccoglie le candidature delle aziende che hanno i requisiti richiesti. L’invito dei Sindaci del Moscato è dunque rivolto ai viticoltori interessati, che devono consultare la pagina dedicata del sito istituzionale del ministero in questione (ecco il link: https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/12099) e segnalare la propria realtà produttiva, inserendo le informazioni necessarie: è un’operazione piuttosto semplice che comprende la richiesta del nominativo, un indirizzo mail e una descrizione piuttosto generica dell’attività e dell’azienda; occhio alla scadenza, fissata per il 12 marzo. Un’azione che probabilmente non avrà benefici nell’immediato, ma sarà propedeutica a passi successivi che dovranno - e sarà nostra cura ancora stimolarli - portare ad atti concreti a beneficio degli agricoltori interessati.

 Dobbiamo insistere, dice il presidente Icardi, per arrivare ad ottenere ciò che questa realtà “eroica” merita da tempo; le azioni proposte nel recente passato dal Consorzio di Tutela insieme a Regione Piemonte attraverso l’ex Commissione Paritetica, seppur meritevoli non hanno infine trovato una continuità oltre ad una prima impostazione di valorizzazione che ha compreso l’accantonamento di un fondo e un premio, operazione che si è interrotta dopo due anni. Per far capire a tutti di quale realtà agricola stiamo parlando, può essere certamente utile sfogliare le pagine dedicate ai “sorì” curate dall’enologo Lorenzo Tablino in un lavoro editoriale legato proprio a quel periodo, dove le testimonianze degli uomini indicano chiaramente le condizioni di lavoro. E su quelle terre è ormai da troppo tempo che si attendono delle risposte concrete.